Fisiogea S.r.l. - Via Francesco Bocchi, 29 - 45011 Adria (RO)
P.I. e C.F. 01497990299 

Contattaci

Telefono: 0426.22330

Mobile: 334.3676676

OSTEOARTROSI

01/10/2015

 

 

 

Oggi incominciamo a dare informazione medica sun una patologia molto diffusa:

OSTEOARTROSI

 

L'osteoartrosi è caratterizzata da segnali e sintomi articolari che insorgono all'improvviso, di solito dopo i 40 anni nel maschio e dopo i 50 nella femmina. L'osteoartrosi non si limita a colpire solamente una articolazione ma si " diverte " a colpirne anche più di una.

Solitamente queste articolazion i sono: articolazione del gomito, della caviglia, delle ginocchia (particolarmente nel sesso femminile), articolazione coxofemorale (anca ) rachide cervicale e lombare ( particolarmente nel sesso maschile).

Come potete vedere L'osteoartrosi non" trascura "nulla e soprattutto non si dimentica mai di Voi manifestandosi, come sintomatologia, nel dolore più o meno acuto.

Il dolore insorge dapprima solo durante il movimento articolare, specialmente dopo una immobilità di parecchie ore (al risveglio mattutino) o anche nei movimenti durante il sonno con carattere lancinante.

Nelle fasi trascurate (non curate tramite fisiokinesiterapia e terapie di prevenzione) il dolore compare anche a risposo, è profondo e male localizzato, favorito da un precedente uso dell'articolazione o da cambiamenti meteorologici.

Attenzione perchè se questa patologia viene a lungo trascurata comporta la limitazione del movimento articolare dovuta all'insorgenza della contrattura muscolare che si scatena come difesa dal dolore.

Il dolore può essere presente alla palpazione dell'articolazione ed al suo movimento passivo, durante il quale può essere percepibile un crepito.

Localizzazioni del dolore abbastanza frequenti sono:

ALLA MANO si manifesta in flessione e deviazione laterale dell'ultima falange, prima al secondo e quinto dito, poi diventa multipla e bilaterale.

ALL'ANCA può comparire nell'età media e il dolore è acuto nella stazione eretta o profondo dopo un carico prolungato. Si avverte solitamente lungo la faccia laterale o interna della coscia all'inguine o al ginocchio.

AL GINOCCHIO il dolore si presenta all'atto di inginocchiarsi, salendo le scale o alzandosi e sedendosi.  Possono comparire ulteriori sintomi.

AL PIEDE il dolore determina prima una borsite (infiammazione) e poi la degenerazione dell'articolazione dell'alluce.

DELLA COLONNA VERTEBRALE i segmenti più colpiti sono le ultime vertebre della colonna cervicale e lombare, a livello cervicale provoca dolore che si può irradiare alla scapola e al braccio accompagnato da formicolii o di difficoltà nei movimenti. Quella lombare invece favorita dal peso corporeo e dalla presenza della normale lordosi fisiologica, il dolore più comune è rappresentato dalla SCIATICA, con formicolii presenti nella faccia anteriore e laterale dell'arto inferiore.

Please reload

Post Recenti

18/10/2019

Please reload

Archive
Please reload

Cerca con Tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square