Fisiogea S.r.l. - Via Francesco Bocchi, 29 - 45011 Adria (RO)
P.I. e C.F. 01497990299 

Contattaci

Telefono: 0426.22330

Mobile: 334.3676676

ELETTROMIOGRAFIA (E.M.G.)

11/03/2016

 

Che cos’è l’Elettromiografia? 

 

L’ElettroMioGrafia (EMG) è un esame strumentale che viene eseguito da un medico, specialista in Neurologia, servendosi di un apparecchio, detto elettromiografo. 

L’esame Elettromiografico permette lo studio del Sistema Nervoso Periferico che comprende i nervi e i muscoli.L’Elettromiografia registra l’attività elettrica del muscolo. 

L’esame Elettromiografico viene prescritto dal medico quando sospetta che i sintomi del paziente (mancanza di forza o di sensibilità, dolori, formicolii, bruciori, ecc.) siano dovuti ad una sofferenza, irritazione o compressione dei nervi o dei muscoli.

 

Come viene eseguito l’esame Elettromiografico ? 

 

Il Neurologo agisce sul paziente e contemporaneamente sull’elettromiografo, raccogliendo, interpretando e registrando i dati ottenuti. Per alcune indagini vengono utilizzati elettrodi di superficie, mentre per altre è necessario l’uso di un ago. L’esame è solitamente ben tollerato dal paziente sia quando si usa l’ago sia quando si utilizzano gli elettrodi di superficie. In quest’ultimo caso viene avvertita dal paziente una breve sensazione di scossa lungo il nervo da esaminare.  L’esame Elettromiografico non segue un protocollo rigidamente prefissato.

L’esame deve sempre essere preceduto da un’accurata anamnesi e da una precisa valutazione neurologica. Di conseguenza la selezione dei muscoli e dei tronchi nervosi da studiare è decisa dal neurologo in base al sospetto diagnostico e in base ai dati che emergono nel corso dell’esame stesso. 

 

Il paziente deve eseguire una particolare preparazione prima di sottoporsi all’esame Elettromiografico? 

 

Non è necessaria alcuna preparazione. Non occorre essere a digiuno. Si possono continuare ad assumere eventuali terapie farmacologiche. Non ci sono particolari controindicazioni.

E' bene che il paziente riferisca al medico se sta eseguendo una terapia con anticoagulanti 

( tipo Coumadin ), se si soffre di disturbi della coagulazione, se è portatore di pace-maker o stimolatori. L'esame non presenta sostanzialmente rischi o possibili complicanze per le donne in stato di gravidanza.

L'esame viene eseguito in circa 30-45 minuti e poi può subito tornare a svolgere le sue normali attività quotidiane e lavorative.

 

 

 

Please reload

Post Recenti

18/10/2019

Please reload

Archive
Please reload

Cerca con Tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square